Danzica – Chiesa di Santa Maria

Chiesa di Santa Maria a Danzica

Contrariamente alle apparenze, raggiungere la chiesa più grande della Polonia – ba! uno dei più grandi d'Europa – non è così semplice, come se potesse sembrare. Andando avanti stretto, Per le strade strette del capoluogo, non è facile vedere la torre di questo tempio, che da lontano travolge non solo i vecchi edifici con la sua enormità, ma anche moderni edifici per uffici. È possibile utilizzare diversi percorsi per la Basilica dell'Assunzione della Vergine Maria. Da Długa Street, è meglio svoltare in una delle strade che portano a nord (Tessitura, Lettico, Leathercraft, Kramarska) e vai a Piwna, correndo lungo la parete meridionale della Beata Vergine Maria da Długa Pobrzeże alla chiesa: Mariacka, Chlebnicka, spirito Santo. Venendo dal nord, cioè dal centro storico, da dove si vede chiaramente lo scopo del viaggio, è meglio arrivare a Grobla Street, e poi sarà facile.

La storia della basilica

Le origini del tempio risalgono alla prima metà del XIII secolo. W 1266 r. in una chiesa di legno, stando in quel posto in quel momento, il corpo del suo fondatore è stato esposto – Principe Świętopełk II. 25 marca 1343 r. fu posta la pietra angolare del nuovo tempio. 16 anni dopo fu completata la costruzione della basilica a 6 campate. Le proroghe successive sono proseguite con pause fino al 1502 r., cioè, vicino 160 anni. Prima che i protestanti se ne impossessassero, era la chiesa parrocchiale del Capoluogo. Oltre all'altare maggiore, era in esso 31 cappelle laterali e 17 altari a colonna. A partire dal 1529 r. il tempio era usato dagli evangelici, Oms 43 anni dopo hanno rilevato completamente la chiesa. Era una situazione davvero speciale, perché era sotto la cura del re polacco fino a quando 1793 r., I parroci cattolici vi esercitavano l'autorità formale e ricevevano parte delle donazioni in denaro raccolte dai protestanti, che ha anche sostenuto tutti i costi relativi alla ristrutturazione della chiesa e della canonica. Il tempio ha sofferto molto durante l'ultima guerra – tutti i tetti sono bruciati, volte, i cancelli e i pavimenti sono completamente spariti e 40% attrezzatura antica. W 1946 r. L'edificio è stato consegnato ai cattolici e la ristrutturazione è iniziata con la rimozione delle macerie. La chiesa ricevette il titolo di basilica minore e fu elevata alla dignità di concattedrale. Conservatori e specialisti hanno lavorato per anni per far sembrare che sia oggi.

L'enorme massa della Cattedrale della Beata Vergine Maria è il più grande tempio gotico in mattoni del mondo. La sua caratteristica torre, parlando più vagamente, evoca sentimenti contrastanti. Deve il suo aspetto maestoso alle pareti lisce con angoli tagliati e finestre alte. I tripli timpani del transetto e del presbiterio hanno un carattere completamente diverso, diviso da pinnacoli poligonali. Le alte torrette ottagonali sui lati e sugli angoli della navata attirano l'attenzione. La cattedrale è vista dalla prospettiva di un passante – circa 50 volte più basso della torre – sembra una montagna di mattoni con enormi vetri di finestre. Guardare le cime della bandiera ti fa venire le vertigini.

Dal lato sud, davanti alla stazione di polizia di ul. Piwna, all'altezza della metà della finestra della parete del transetto, viene posizionata una meridiana.

Ci sono fino a sette porte all'interno della chiesa: tre del sud (alto, Consiglieri, Kaletnicza), uno da est (Mariacka), due del nord (Na Grobla, Szewska) e quello principale da ovest – Sotto la Torre, che è più spesso aperta e da cui è meglio iniziare a visitare la chiesa. Ci sono sempre stati mendicanti qui da secoli, che sembrano confermare con la loro presenza la permanenza di certi fenomeni sociali.

La Cattedrale di Nostra Signora si trova nel cuore del Capoluogo: a est di Wały Jagiellońskie, a nord della Via Reale, a ovest di Motława e a sud della chiesa di S.. Brigitte. oh lei 7 le grandi porte conducono 7 strade. È un vero colosso. La lunghezza della chiesa è 105 m, larghezza nel transetto 66 m, viene misurata l'altezza dal pavimento al soffitto 33 m, e il volume interno -155 000 m!. L'area dei tetti corrisponde a 1 ettaro, e la torre è alta su 82 m. L'interno del tempio – illuminato da 37 enormi finestre – si adatta facilmente 25 migliaia di persone. Il fatto sorprendente è, che a volte, quando furono costruiti i templi, Danzica era abitata da metà della popolazione, di quanto potrebbe starci dentro. Sostiene grandi volte 27 pilastri. Costruire una cattedrale così grande nel Medioevo non era solo espressione di sentimento religioso, ma anche testimonianza della grazia e ricchezza dei fondatori e segno della potenza della città.

GDAŃSK RIBBERS

Il mondo mendicante medievale non era esente da legami con il mondo criminale. Tra le masse dei nonni, mendicanti e indulgenze erano spie, ladri, “occhi malvagi” in zielarki. Danzica, come una grande città portuale, attirato folle di poveri poor, che poi restava nelle chiese, sulle strade, disgustoso all'inizio, e poi peccato. Nell'ambito delle "riforme mendicanti" del XVI secolo.” svolto dal Consiglio, ai mendicanti abili fu ordinato di lasciare la città. I forti ed efficienti sono stati formati anche per i lavori pubblici. A partire dal 1551 r. Danzica era divisa in distretti, a capo dei quali c'erano mendicanti-sindaci, vegliando sui propri “addebiti”, che hanno registrato negli appositi registri e hanno dato loro segni che li autorizzavano a mendicare nella data zona given. Non tutti potevano mendicare vicino alla Chiesa della Beata Vergine Maria. Di questo privilegio godevano i cosiddetti so “fattorino” suonando le campane, il cui numero era rigorosamente definito.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazione e taggato , . Aggiungi ai segnalibri collegamento permanente.