Danzica – Chiese, Templi

GDAŃSK – ce ne sono tre qui santuari con immagini incoronate della Madre di Dio: basilica di. Chiesa Domenicana. sto. Nicola con l'immagine della Madonna della Vittoria (Rosario) portato da - Leopoli (dalla chiesa di o. Chiesa Domenicana. corpo di Cristo), chiesa. carmelitani. sto. Caterina con l'immagine della Madre di Dio portata da Bołszowiec e il santuario di rito armeno presso la chiesa di S.. Pietro e Paolo, dove si adora l'immagine della Madonna delle Grazie di Stanisławów.

Danzica – S.. Caterina, Immagine miracolosa della Madonna di Bołszowiecka.

GDAŃSK – un grande centro di luteranizzazione in Pomerania. Le primule delle idee della Riforma impiegano anni 20. XVI sec.; w 1524 qui è scoppiata una rivolta socio-religiosa. Hanno chiesto, tra l'altro,. liquidazione di monasteri, rimuovere immagini e reliquie dalle chiese. Il movimento fu soppresso da Zygmunt Stary in 1526. Nonostante i severi divieti del re, la Riforma in Pomerania si stava sviluppando in modo molto spontaneo, incoraggiata dall'esempio della vicina Prussia di Albrecht Hohenzollern, che da 1525 divenne uno stato luterano. Alla fine in 1557 Con un editto speciale, il Seym della Repubblica di Polonia autorizzò formalmente la denominazione di Augusta a Danzica. Da allora il luteranesimo si è sviluppato liberamente ed è diventato la confessione della maggior parte degli abitanti della città a 1945. qui dentro 1632 emesso il cosiddetto. La Bibbia di Danzica, Traduzione evangelica delle Sacre Scritture, che fino al XX secolo. era di uso comune nelle chiese polacche.

Danzica era una città, dove alloggiavano gli immigranti religiosi dai Paesi Bassi, essere rappresentanti della riforma radicale. Prende il nome dal loro fondatore, Menno Simonsa, mennonitami, come pacifisti cristiani erano esentati dai benefici militari alle autorità, e in cambio, avrebbero dovuto prendersi cura degli argini della Vistola a Żuławy.

Questo articolo è stato pubblicato in Informazione e taggato , , . Aggiungi ai segnalibri collegamento permanente.